Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Serie A, Casini: “Facciamo gli stadi a prescindere dall’Europeo”

Le parole del presidente della Lega di Serie A. Si torna a parlare delle infrastrutture del massimo campionato di calcio

Al governo chiediamo «di intervenire sugli stadi e sulle infrastrutture. In questo senso Andrea Abodi è la persona giusta al posto giusto». Lo ha detto Lorenzo Casini, presidente della Lega Serie A, ai microfoni di “La politica nel pallone”, la trasmissione radiofonica della Rai condotta da Emilio Mancuso. Scrive Tuttosport.

«Come Lega Serie A ci aspettiamo che il governo aiuti le Leghe e poi le squadre a snellire e semplificare tutti gli iter burocratici», ha spiegato. La candidatura dell’Italia per ospitare gli Europei 2032 è «un’opportunità enorme soprattutto perché le organizzazioni internazionali, quando chiedono una candidatura, non si limitano a chiedere infrastrutture, ma vogliono che siano accompagnate da un progetto di inclusione, di impatto socio-economico molto articolato. E’ un’opportunità importante ma non deve essere vista come l’unica», ha dichiarato.

«Gli stadi vanno aggiornati e adeguati regolarmente aldilà della presenza di un grande evento», ha aggiunto Casini. «Il neo ministro dello Sport Andrea Abodi è un professionista serio e apprezzato, conosce benissimo le problematiche dello sport e del calcio. Ho avuto modo di conoscerlo e lavorare con lui e anche grazie al suo lavoro, il Credito Sportivo si è impegnato non solo per lo sport ma anche per la cultura». All’ordine del giorno c’è la riforma dei campionati, ma Casini ammette che la «riduzione delle squadre di A non è considerata prioritaria al momento». E poi scherzando ad una domanda da studio, Casini risponde sorridendo, giocavo d’avanti per fare gol, si fa gol se c’è gioco di squadra e siamo tutti cooperativi, messaggio rivolto al mondo del calcio.

Var e Challenge
«Novità per il Var? Il challenge penso possa essere uno strumento utile, se ovviamente limitato come numeri. Il Var, secondo gli studi, come tempi, sta su una media di un calcio di punizione, quindi non c’è problema reale di tempo effettivo per un challenge di squadra a tempo. Una soluzione che toglierebbe quel clima di sospetti e polemiche che accompagna spesso il gioco del calcio».

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News