Forza Monza
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Annata nuova Monza vecchio. Per Stroppa gli stessi problemi di Brocchi

Il quotidiano di Torino analizza la situazione biancorossa e la posizione del tecnico

Annata nuova, Monza vecchio. Quello di Stroppa – 9 punti dopo 7 gare e reduce dal tonfo di Lecce (3-0) – ripropone i problemi della passata stagione con la gestione Brocchi. Squadra che raramente mostra intensità, ci si affida ai lampi dei singoli. Il confronto di venerdì scorso coi pugliesi è stato impietoso, quando il Monza è andato sotto, è sparito. Scrive Tuttosport.

In questi giorni si è speculato assai sul futuro di Stroppa, tirando in ballo fantasiosi sostituti. In realtà la società gli aveva rinnovato la fiducia un attimo dopo la disfatta, non è costume di Galliani e Berlusconi bruciare allenatori, lo si è visto a marzo, quando Brocchi rimase in sella dopo quell’1-4 col Venezia che decise gran parte della stagione.

E Galliani, alla ripresa degli allenamenti, ha incontrato la squadra e ribadito la fiducia al tecnico

Fiducia che, salvo altri clamorosi capitomboli, potrebbe prolungarsi almeno fino alla sosta di novembre. Sempre che la situazione non precipiti, ora è ancora abbastanza sotto controllo. La A diretta dista 6 punti, la zona playoff 1. Però, deve cambiare l’andazzo. Nel frattempo Stroppa ha accennato a un possibile cambio di modulo, difficilmente si vedrà alla ripresa, quando il Monza andrà a Parma per la delicata sfida fra corazzate che fanno acqua.

Stroppa subordina il cambio di assetto alla forma dei giocatori. Ad esempio, l’acquisto più importante dell’estate, Valoti dalla Spal, quasi non s’è visto, prima per un problema alla caviglia che si trascinava dalla passata stagione, poi per una contrattura che gli ha fatto saltare la disfatta di Lecce (ma a Parma dovrebbe esserci).

Quando starà bene, chissà che non venga schierato dietro alle due punte, perché da trequartista alla Spal ha fatto le cose migliori (11 gol nel 2020/21) e potrebbe risolvere l’anemia offensiva, visto che il Monza, con 7 reti all’attivo, ha uno dei peggiori attacchi della B. Qualcosa potrebbe cambiare anche in difesa: stupisce che Pirola non abbia giocato un minuto, l’anno scorso non era andato male, anzi, e in estate Galliani ha sudato assai per farselo imprestare di nuovo dall’Inter.

Che sia uno dei difensori italiani del futuro non ci sono dubbi, tant’è che viene sempre convocato nell’Under 21. Ma nelle gerarchie di Stroppa è rimasto dietro gli scafati interpreti della retroguardia che però a Lecce hanno naufragato. Il punto però, è che la società, per quel che s’è visto finora, ha sottovalutato i problemi che erano evidenti dopo la scorsa annata. Galliani, subito dopo il trionfale mercato dell’estate 2020, proclamò che se non si andava in A sarebbe stato un fallimento.

Poi, a promozione svanita per un 3-0 in semifinale playoff a Cittadella con un Monza in versione turistica, è passata un’altra narrazione, quella che “il Monza aveva chiuso la miglior stagione della sua storia”. Insomma, finora s’è nascosta la cenere sotto il tappeto, non si sono affrontati di petto i soliti problemi, il 3-0 incassato alla fine della scorsa stagione, somiglia tantissimo a quello patito venerdì a Lecce. E Stroppa, se non inverte la rotta, potrebbe rischiare di pagare il conto anche per gli altri.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il tecnico biancorosso Raffaele Palladino ha parlato alla vigilia di Monza-Atalanta...
Successo storico per i biancorossi rappresentati da Lucio “HhezerS” Vecchione...
Vi proponiamo le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi in edicola, sabato 20 aprile 2024...

Dal Network

I granata vogliono Palladino ma al momento il tecnico prende tempo per valutare il proprio...
Chiaro ormai l'addio con Palladino a fine stagione: ma Galliani ha già in testa il...
Vi proponiamo le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi in edicola...

Altre notizie

Forza Monza