Forza Monza
Sito appartenente al Network

Figuraccia sì, ma niente drammi. Il Monza cresce se impara a variare il tema tattico

Una sconfitta da analizzare sotto diversi aspetti, ma uno su tutti è il rischio di cadere nel dogmatismo tattico

L’errore più grande di mister Palladino, o almeno quello che può notare un tifoso senza patentino a Coverciano, è quello di non aver saputo adattare la squadra all’avversario. Il tecnico ha ragione quando dice “non dobbiamo snaturarci”, ma fino a pagina due.

Perché quando incontri una corazzata come l’Inter e pretendi di palleggiargli in faccia non sei più sfrontato, ma autolesionista. Ed è quello che è successo sabato. Il Monza ha provato le solite rischiosissime partenze dal basso, ha provato il giro palla, ha provato a giocarsela sui duelli, ha provato a presentarsi con un centravanti mobile e ad entrare in porta con un fitto fraseggio. Non è riuscito nulla, perché questa Inter è irresistibile per chiunque e provare ad affrontarli a viso aperto è una condanna a morte.

La scelta criticatissima di riproporre Gagliardini centrale di difesa da la misura della volontà di Palladino di non cercare infingimenti tattici, ma di voler privilegiare il palleggio da dietro rispetto alla pura marcatura. Il risultato è stato che Lautaro e Thuram hanno fatto un picnic nell’area biancorossa. Male anche sulle fasce, il punto di forza dell’anno scorso e ora invece diventate l’anello debole della catena. Per non parlare dell’attacco, dove forse in certe partite sarebbe meglio proporre una punta che giochi negli ultimi 20 metri e non cercare “Guardiolistiche” soluzioni di centravanti-spazio.

Insomma, perdere con l’Inter ci sta, ma bisogna analizzare bene come si è perso. Per fare il salto, quello vero, serve imparare a variare il tema tattico in base a chi si ha davanti. Se qualche volta si azzardano i palloni lunghi, o i cross dalle fasce a cercare deviazioni sporche, non significa snaturarsi. Se c’è una cosa che il 5-1 subito dai nerazzurri deve insegnare è proprio la necessità di imparare a cambiare. Le squadre ora conoscono Palladino, conoscono i giocatori del Monza, conoscono i movimenti dei biancorossi e persino i cambi che l’allenatore va a fare a seconda delle situazioni. Bisogna tornare ad essere imprevedibili.

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Una grande prestazione riporta l'attaccante al centro del progetto di Palladino...
I segnali di crescita erano enormi e il rinnovo più che meritato gli ha dato...
Per fortuna nulla di grave per il portiere del Monza che ora può sorridere dopo...

Dal Network

Ecco la squadra arbitrale per il prossimo impegno del Monza che sarà in casa contro...
Il nuovo attaccante del Monza ha parlato del suo arrivo in Brianza e della stagione...
Il capitano del Monza ha parlato anche di Palladino e Galliani. Due punti di riferimento...
Forza Monza