Resta in contatto

Calciomercato

Psg aspetta un segnale da Icardi: Monza pronto ad aprire la trattativa

L’argentino è un sogno di mezz’estate di Berlusconi e Galliani, ma non è affatto impossibile

Mauro Icardi al Monza non è un pensiero solitario dentro un’estate trafficata. Silvio Berlusconi e Adriano Galliani ragionano da qualche giorno sulla possibilità di avvicinarsi all’attaccante del Psg. Lo fanno con la pazienza dei saggi perché sanno che un progetto così dispendioso si può sviluppare più avanti nel tempo e perché adesso hanno fiducia nel loro reparto avanzato che li ha portati in Serie A. Scrive La Gazzetta dello Sport.

La situazione

Innanzitutto Icardi e il Psg devono confrontarsi e chiarirsi. Al momento dalla parte del giocatore non è arrivato un segnale netto di volersi separare dalla proprietà parigina. E questo sarebbe un passaggio fondamentale per il Monza che poi potrebbe andare a Parigi e iniziare una trattativa. Perché al momento si registra solo il contatto tra Galliani e Wanda Nara, moglie e agente dell’argentino.

Un colloquio interlocutorio durante il quale possono anche aver parlato dell’idea di vederlo con la maglia biancorossa, ma che comunque lì si ferma. Icardi guadagna circa 10 milioni all’anno al Psg e anche se il Decreto crescita favorisce i brianzoli per riportarlo in Italia, non bisogna esagerare con le idee e confrontarsi con la realtà dei numeri. Gli equilibri all’interno dello spogliatoio sono determinanti e avere un elemento nettamente più pagato di tutti gli altri potrebbe non essere così invitante come prospettiva.

Quindi servirà che il Psg venga incontro e contribuisca a parte del salario di un accordo che scade nel 2024 e dal quale è difficile uscirne prima, per questo il Monza potrebbe avere Maurito solo in prestito, magari oneroso.

In ogni caso il Psg preferirebbe disfarsi dell’ingaggio da 10 milioni, con i bonus, ma solo muovendosi per tappe, anche per rispetto del giocatore. Così, non sarà avviata alcuna trattativa con il Monza, senza prima organizzare un incontro con Icardi. L’idea è di fare il punto insieme, magari già al raduno di domani, e capirne le reali motivazioni. A 29 anni, spetta all’argentino dimostrare di volersi riprendere il rango di bomber che fu. Al Psg, o altrove.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Calciomercato