Resta in contatto

News

Effetto Monza sui conti della Fininvest il debito cresce a 216 milioni di euro

I conti della società biancorossa pesano sulla situazione finanziaria del gruppo Fininvest

La Fininvest della famiglia Berlusconi, dopo essere rimasta a secco di dividendi da Mediolanum e Mediobanca, ha salutato il 2020 con una perdita civilistica di 27 milioni e un indebitamento finanziario netto in crescita a 216 milioni dai 24,2 milioni del 2019. Come rivela il bilancio di Fininvest spa, su quest’ultima voce, all’interno della quale la sola esposizione verso le banche è cresciuta da 310 a 600 milioni, hanno pesato sia “gli interventi sul capitale a favore della controllata Ac Monza“, sia “la distribuzione di dividendi agli azionisti”. Scrive La Stampa.

La squadra di calcio biancorossa, comprata dalla famiglia Berlusconi una volta ceduto il Milan, dopo avere chiuso il 2020 in perdita per 26,8 milioni e con un indebitamento finanziario di 7,1 milioni, ha richiesto una iniezione di capitali per 29 milioni. Così, l’assemblea dei soci del 28 giugno, presieduta da Marina Berlusconi, ha deciso di coprire la perdita del 2020 con gli utili degli anni scorsi portati a
nuovo.

Una riserva destinata a ridursi nel 2021 anche per lo stacco della maxi­cedola da 100 milioni a favore della famiglia del leader di Forza Italia annunciato a giugno, che segue i 184 milioni di dividendi dell’anno prima. Del resto, nel 2021 Fininvest spa stima di rivedere l’utile proprio grazie al ritorno alla cedola di Mediolanum, all’uscita da Mediobanca e al dividendo straordinario deciso da Mediaset nell’ambito della pace siglata con Vivendi.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News