Forza Monza
Sito appartenente al Network

Monza, il centravanti e una maledizione da sfatare

I biancorossi hanno tanti elementi offensivi: Ciurria, D’Alessandro, centrocampisti “goleador”, ma la classica punta da doppia cifra

“Tanto ha ragione chi fa gol”: un concetto, antipatico, che ritorna. La frase, corredata di motivetto musicale, apriva la trasmissione degli anni Novanta su Telemontecarlo: “Galagol”, poi “Goleada”. Il Monza, ora come nel recente passato, in questo senso fa fatica ad avere ragione. Scrive il Giornale di Monza.

Sembra una maledizione, quella del centravanti, tra inghippi e infortuni. Un esempio? Mirko Maric, fatto arrivare l’estate scorsa con un jet privato dall’Osijek, serie A croata: 25 anni, 22 gol stagionali, 20 in quella precedente, contratto quinquennale. A Monza, appena 2 centri su un totale di 23 partite.

Ora è in prestito al Crotone, fin qui 6 gare e niente reti. Mentre il suo compagno Samuele Mulattieri, classe 2000, in 7 match tra campionato e coppa ne ha messi a segno 6. Sempre la scorsa estate, all’autodromo di Monza, fu presentato anche il “vichingo”, Christian Gytkjaer: Nazionale danese, in serie A polacca al Lech Poznan di gol ne aveva fatti addirittura 24 (+3 in coppa), 12 l’anno prima (+5 in Europa League).

A Monza: 6, con 5 assist. Quando ben aveva ingranato si è infortunato al legamento. Per ora un gol e, soprattutto, errori clamorosi non da lui. L’anno scorso, anche la carta Mario Balotelli: arriva il 7 dicembre, salta le prime cinque gare per ritardo di condizione, poi ci mette quattro minuti a segnare. Nella partita successiva s’infortuna nel riscaldamento: problema muscolare.

Alla fine, nel momento clou: 2 gol in dieci minuti a Salerno, un altro a Cosenza. Segna anche ai playoff: in totale 14 partite, 6 reti e l’etichetta di “inaffidabile”. Ora all’Adana Demirspor, massima serie turca, 3 reti in 7 partite. Ma l’emblema della maledizione è Davide Diaw: a Cittadella 17 gol tra campionato, playoff e coppa. A Pordenone, in mezza stagione, 18 partite e 10 gol. A Monza più gare (20) ma meno minuti (1016­-1568): appena un timbro. Ora è in prestito a Vicenza, fin qui tre partite senza segnare.

Infortuni, poi: Mattia Finotto è rimasto ai box a causa del legamento crociato (ora è fuori lista). Andrea Favilli ne avrà invece per un paio di mesi. Samuele Vignato appartiene a un’altra categoria, invece: non è un centravanti, è una “stellina”. Il suo gol col Pordenone è da record: classe 2004, nessuno aveva segnato in serie B e serie A così giovane. Ma la questione è il “centravanti”.

In estate circolavano nomi accattivanti: Simy (20 gol in A), Rodrigo Palacio (più di 200 in carriera), o ancora Alfredo Donnarumma (25, in passato, a Brescia). Ora? La sensazione è che molto passi da Dany Mota Carvalho. Che centravanti puro non è: sembra dare il meglio partendo largo. Ma che Stroppa potrebbe far maturare ancor di più in area: “Con Ternana e Pisa ha segnato due gol in zona centrale. Uno, straordinario, da fuori: ha anche queste qualità balistiche.

E uno da centravanti navigato, con un’ottima lettura. I suoi movimenti sono da punta centrale. Con Ciurria si può alternare. Con Gytkjaer fa più da raccordo. Deve imparare a giocare semplice quando è girato di schiena. E a tempo giusto”. Qui la svolta, aspettando Gytkjaer e Favilli?

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Ci sarà ancora da attendere per la decisione finale sul caso Gomez...
Il figlio dell'amministratore delegato del Monza, sempre presente accanto al padre per seguire la squadra...
Così il direttore sportivo del Monza Michele Franco ai microfoni di SeiTv in vista della...

Dal Network

di gregorio
Il portiere del Monza è certamente tra i migliori del campionato: in estate sarà uomo...
Vi proponiamo le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi in edicola...

A l gol di Giroud, che ha acceso le possibilità di una rimonta rossonera, la...

Forza Monza