Resta in contatto

News

Il Cittadino: “Giovannino sul podio di Galbiati con Mazzetti e Pradella”

“La “brava persona”, la foto dell’88 e la fame dei giocatori”

A volte ritornano e trovano chi ha molta fiducia in loro. Anche per­ché in questo caso c’è da inseguire la Serie A, un traguardo sempre sfuggevole, un approdo puntual­mente dissoltosi sul più bello. Pure quest’anno. L’ingaggio di Giovannino Stroppa, neo allenatore del Mon­za, è perciò considerato positivamente da Gaetano Galbiati, 67 anni a dicembre, brigadiere capo dei Cara­binieri ora in pensione.

Galbiati, dirigente della Fiammamonza, conosce bene le vicende biancorosse anche perché per ol­tre 30 anni è stato in servizio (dapprima allo stadio Sada, poi al “vecchio” Brianteo) durante le par­tite del Monza. “Già da ragazzo – spiega – avevo una simpatia per il Monza: avevo visto lo stemma sul­ l’album delle figurine Panini e mi era subito piaciuto”.

La simpatia verso il club biancorosso diventa passione vera nel 1971, quando Gal­biati viene trasferito a Monza per motivi di servizio. “In effetti – pre­ cisa – facevo parte del Nucleo Ra­diomobile, ma la domenica ero sempre allo stadio a seguire il Mon­ za, sempre in uniforme”.

Una pre­senza costante che gli ha permesso di diventare amico di tanti giocatori e allenatori. Tra questi ultimi un po­sto speciale l’ha avuto Guido Maz­zetti, nato nel 1916 e morto nel 1997. Mazzetti, inquilino della panchina biancorossa dal 1982 al 1984, nella sua prima stagione monzese fu l’artefice di una rimonta che portò il Monza in settima posizione nel campionato di Serie B.”Una perso­na come Mazzetti – aggiunge – non si può dimenticare. Tra i giocatori, invece, ricordo volentieri Loris Pra­della e Giovanni Stroppa”.

Pradella, classe 1960, giocò con il Monza dal 1981 al 1983, per un totale di 70 pre­senze e 24 reti. Nella stagione 1988­ 1989 militò nella Sampdoria in Serie A: come attaccante primo sostituto della coppia costituita da Gianluca Vialli e Roberto Mancini, venne uti­lizzato in campionato 20 volte e re­alizzò due gol. Si prese la soddisfa­ zione di contribuire alla conquista della Coppa Italia.

“Pradella e Stroppa – ricorda Galbiati – erano ragazzi alla mano e cordiali, mai al­tezzosi. Stroppa era capace di gio­cate da favola. Al Monza giocò con Gigi Casiraghi: Stroppa era la fanta­sia, Casiraghi la potenza. Se Stroppa avesse avuto un po’ più di fortuna da calciatore, avrebbe potuto fare una carriera migliore. Ho una foto fatta nel 1988 che ritrae Giovanni e mio figlio Stefano, che allora aveva nove anni. Penso che la società ab­bia fatto bene a puntare su di lui: è una brava persona, come allenato­ re ha una certa esperienza. Per quanto riguarda la rosa, ritengo che occorrano 6­/7 elementi di categoria per puntare alla Serie A. Serve gen­te che ha fame, che vuole crescere. Il capitano Andrea D’Errico, in ogni caso, non si tocca: è uno di quelli che non mollano mai”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 giorni fa

E vero sorguido mazzetti che allenatore con il berrettino in testa salvo il Monza che era spacciato

Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a MONZA BRIANZA su Sì!Happy
Advertisement
Advertisement

Altro da News