Resta in contatto

News

Frattesi: “Ne segno altri due, ricarico il Monza e Brocchi mi paga”

Sei gol e una scommessa quasi vinta: “Basta solo un episodio per svoltare”

Davide Frattesi è stato intervistato da “La Gazzetta dello Sport”. Il centrocampista biancorosso ha parlato del momento negativo del Monza ma anche dei suoi sogni e di una scommessa con il tecnico Brocchi.

 E’ vero che c’è in ballo una scommessa con Brocchi?
“Sì, è tutto vero. Ad inizio campionato faticavo a segnare e così il mister ha promesso che se fossi arrivato a fine stagione a otto gol mi avrebbe acquistato qualcosa: ora che sono a quota sei devo iniziare a pensare a co­sa farmi comprare. Scherzi a parte, mi dispiace che la rete non sia bastata per battere il Pescara: la dedico alla mia fa­miglia e alla mia fidanzata Eleonora”.

Il prossimo gol potrebbe ar­rivare sabato ad Ascoli, la squadra con la quale ha de­buttato in B.
“Ascoli è stata una tappa fon­damentale: se segno non esul­to, come all’andata. C’è solo da pensare ai tre punti: ci manca­no sei partite e per la promo­zione diretta dobbiamo vincer­le tutte e sperare che il Lecce rallenti”.

Due sole vittorie nelle ulti­me otto partite. Cosa sta suc­cedendo al Monza?
“Siamo incappati in un perio­do negativo: ci manca l’entu­siasmo che solo le vittorie pos­sono generare e questo rende tutto più complicato. Dobbia­mo ritrovare al più presto il successo per il morale e la fiducia: nel calcio basta un episo­dio a far girare una stagione e dobbiamo essere forti mentalmente per rimetterci sulla giu­sta rotta”.

Come avete accolto la notizia della conferma di Brocchi?
“Siamo tutti, al cento per cento, con Brocchi: abbiamo gran­de stima del mister e siamo fe­lici di andare avanti con lui. E poi in campo andiamo noi cal­ciatori: siamo noi che facciamo le scelte in partita e siamo i pri­mi a doverci prendere le nostre responsabilità”.

Quanto vi è mancata l’espe­rienza di Adriano Galliani nel momento più delicato della stagione?
“Ci ha fatto piacere rivedere Galliani lunedì allo stadio:la sua presenza è uno stimolo in più per tutti noi. Ci carica con il suo carisma e il suo dna vin­cente: siamo stati in ansia nei giorni in cui è stato ricoverato in ospedale per il Covid, ma ora il suo ritorno sarà una grande spinta per noi”.

In attesa di vincere con il Monza, ha contribuito al pas­saggi dell’Italia ai quarti del­ l’Europeo Under 21: a fine maggio affronterà il Portogallo del suo compagno Mota Car­valho. Ne avete già parlato?
“No, in questo momento pen­siamo solo al Monza. Per me la Nazionale è un banco di prova: confrontarsi con i migliori gio­catori degli altri Paesi ti fa capire a che livello sei. Sto facendo un per corso da favola in azzur­ro: questa Under 21 è un grande gruppo, con la fortuna di avere un allenatore preparato come Nicolato”.

Intanto, il suo idolo De Rossi è entrato nello staff della Na­zionale maggiore. Vi siete sen­titi?
“Non ci sentiamo da un po’, ma Daniele resta il mio punto di riferimento. L’ho conosciuto quando ero nella Roma: è una grande persona, una preziosa fonte di consigli. E ho avuto la fortuna di essere allenato dal papà di Daniele, Alberto, che ha saputo valorizzarmi al me­glio spostandomi da trequartista a mezzala”.

Lei è stato nel vivaio roma­nista dai Giovanissimi alla Pri­mavera. Le piacerebbe tornar­ci?
“Prima voglio la Serie A con il Monza, poi un giorno sogno di diventare il capitano della Roma”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a MONZA BRIANZA su Sì!Happy
Advertisement

Altro da News