Resta in contatto

Rubriche

AMARCORD MONZA – 7 Novembre 1982: da una disfatta a Reggio Emilia prende il là una clamorosa rimonta

Torna la rubrica dei ricordi di ForzaMonza.it curata da Fiorenzo Dosso. Vi ricordate cosa accadde il 7 novembre di 38 anni fa?

Questa volta dal nostro personale archivio tiriamo fuori un ricordo di esattamente 38 anni or sono: domenica 7 novembre 1982. Ed è un remember molto amaro. Dal quale, però, scaturirà una delle pagine biancorosse più esaltanti. E’ la classica giornata autunnale a Reggio Emilia: grigio grigiore, fosca foschia, umida umidità. Clima padano che più padano non si può.

Al vecchio Mirabello tristezza calcistica in perfetta sintonia con il resto del paesaggio: si sfidano le ultime due della Serie B. E la Reggiana di mister Fogli e del bomber Carnevale mette in cascina la prima vittoria stagionale maramaldeggiando (4-1) nella ripresa su un disastroso Monza. Che becca tre pappine in meno di un quarto d’ore e divide il mesto fanalino di coda con il Bari. Il presidente Giambelli torna a casa nero come la pece, capisce che non può tergiversare e – non senza macerazione interiore – solleva dall’incarico mister Fontana, artefice pochi mesi prima della promozione tra i cadetti. Molti addetti ai lavori storcono bocca e naso quando la panchina biancorossa viene affidata al ‘vecchio’ Mazzetti.

Che per la prima volta a 66 anni suonati approda professionalmente al Nord dopo una carriera spesa tra Perugia (sua città d’adozione), un po’ di centro (Livorno, Città di Castello) e tanto tanto Sud (Acireale, Siracusa, Catania, Taranto, Reggina). Sor Guido – così lo chiamavano tutti – è un mix di competenza tecnica, buon senso, arguzia e bonomia tipicamente emiliane (nativo di Bologna). Una intuizione tattica, un consiglio prezioso, una battuta al momento giusto nello spogliatoio ed i ragazzi in biancorosso ritrovano fiducia nei loro mezzi.

Il Monza comincia una rimonta che ancora adesso resta indelebile nei cuori di chi l’ha vissuta da protagonista in campo o da semplice tifoso sui gradoni del mitico Sada. Una rimonta che porterà al 7° posto finale non distante dalla zona promozione. Una rimonta che avrà due momenti di intensità assoluta: il 2-0 casalingo (rigore di Papais e Pradella) alla capolista Lazio e il fantastico colpaccio esterno a Bari (0-1 gol di Marronaro all’ 85’) in un contesto ambientale caldissimo con 35.000 galletti assetati di vittoria salvezza e pronti a tirare il collo ai polentoni brianzoli ed invece condannati alla serie C da un Monza tatticamente perfetto.

Tanti i protagonisti di quella straordinaria annata biancorossa. Su tutti un saggio allenatore con andatura claudicante, con bagaglio tecnico-tattico di prim’ordine e – soprattutto – con una umanità profonda ed una psicologia applicata al calcio in grande anticipo sui tempi: Sor Guido Mazzetti.

Domenica 7 Novembre 1982:

REGGIANA – MONZA 4-1 (1-1)

MARCATORI: Imborgia (R) al 8’ pt; Mitri (M) al 45’ pt;  Bruni (R) su rigore al 15’ pt; A. Carnevale (R) al 22’ st; Mazzarri (R) al 30’ st

REGGIANA: Eberini, Volpi (25’ st Mazzarri), Imborgia (1’ st Zuccheri), Pallavicini, Francini, Sola, Mossini, Bruni, A. Carnevale, Graziani, Boito. A disp.: Lovari, Di Chiara, G. Carnevale. All.: Fogli.

MONZA: Mascella, Castioni, Fontanini, Trevisanello (27’ st Biasin), Fasoli, Papais, Mitri, Saini, Pradella, Ronco, Marronaro. A disp.: De Toffol, Baroni, Bolis, Colombo. All.: Fontana

ARBITRO: Pirandola di Lecce

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a MONZA BRIANZA su Sì!Happy

Altro da Rubriche